COME SUPERARE I DUBBI AI TEMPI DI INTERNET

da Elena Angelini
0 commento

Il dubbio è come una crepa nella roccia che di notte con l’umidità e le basse temperatura ghiaccia facendo giorno dopo giorno crollare la montagna. Ecco perché è importante predisporre un disciplinare che serva da primo soccorso all’insorgere del dubbio. Ogni stato di crisi deve prima essere studiato, analizzato e risolto a tavolino. Non si può lasciar nulla al caso. Innanzitutto, il dubbio è riferito al risultato di una decisione presa tempo addietro. Un risultato che quando tarda ad arrivare –rispetto ai nostri canoni di urgenza– provoca incertezza, insicurezza ed è causa di ansie e timori. 

Mettere il dubbio sotto la luce dei riflettori delle nostre idee servirebbe quanto meno a ricordarci perché abbiamo preso quella decisione. Da cosa nasce? Istinto o ragione? Ecco perché è necessario nelle decisioni più importanti stilare un foglio con le motivazioni principali che ci hanno portato a prendere quella scelta. Così, ogni qualvolta il dubbio ci attanagliasse, avremmo repentina l’ancora di salvezza. A maggior ragione se il dubbio avviene in merito a una scelta con risultati a medio o lungo termine.

Secondariamente è necessario agire. Muoversi. Uscire dallo stato di stress che ci ingabbia. Richard Branson, il proprietario di Virgin, racconta che quando le cose iniziano davvero a deprimerlo, lui esce, va a prendere una boccata d’aria fresca e beve una tazza di tè. Ogni volta che il dubbio inizia ad avere la meglio su di lui, Richard trova un esercizio fisico da fare. Questo lo aiuta sempre. Bicicletta, tennis o passare del tempo libero con la propria famiglia. Questo è spesso il momento in cui anche le idee migliori affiorano in superficie.

Ultimo e più importante di tutti gli step da inserire nel quaderno dei disciplinari delle situazioni difficili è chiedere l’aiuto del tuo gruppo. Mai sottovalutare la sua forza e quella di Ubuntu. È sempre una buona idea discutere di qualsiasi dubbio con colleghi e amici e ascoltare davvero il loro feedback. Ricordiamoci di avere due orecchie e una bocca.

Ecco i tre semplici esercizi per risparmiare a volte inutili ansie.

Cosa c’entra tutto questo con internet? Niente, appunto. Molto spesso, cercare sul web una soluzione ai nostri dubbi è davvero un inutile spreco di tempo. 

0 commento
0

You may also like

Lascia un commento