L’IMPORTANZA DELLA SECONDA LINGUA STRANIERA

da Alessandro Braga
0 commento

Cesar Ritz passò da semplice cameriere a gestore dei più importanti hotel internazionali non certo per la sua capacità di servire ai tavoli. Il papà dell’Hotel Ritz di Parigi e di altre dieci sedi sul terracqueo senza contare il Carlton Hotel e il Savoy di Londra è stata decisamente una persona geniale. Aveva capito prima di tutti che la ricca società internazionale si annoiava e non chiedeva altro che essere guidata verso il divertimento. Ma per far questo, una sola skill era fondamentale. Quale? 

Tredicesimo e ultimo erede di una famiglia di Niederwald in Svizzera, Cesar Ritz, ancora cameriere, era così stimato dai ricchi viaggiatori del suo tempo – si parla della fine dell’800 – che costoro lo seguivano in ogni suo spostamento. Prima di addentrarsi nel mondo dell’hotellerie Cesar Ritz aveva svolto diversi lavori in ambiti totalmente differenti da quello che lo renderà famoso. Questi erano gli anni in cui, oltre a perfezionare il tedesco, imparava il francese. Così, appena l’Exposition Universelle del 1867 chiamò, Ritz era pronto a prestare servizio negli hotel più rinomati della capitale francese.

L’aristocrazia e l’alta borghesia lo apprezzavano certamente per il suo modo di fare. Per le sue competenze. Ma soprattutto per la sua capacità di dialogare con loro nella loro lingua madre. Di Cesar Ritz, infatti, si dice che non sapesse parlare perfettamente nessuna lingua. Ma ne conosceva davvero molte. Ciò rassicurava tantissimo i clienti che avevano a che fare con lui. Conoscere una seconda, una terza, una quarta lingua e apprezzarne la cultura lo ha reso noto nel jet-set dell’epoca. Una skill che lo ha aiutato non solo nella sua attività, ma anche a risolvere una serie di innumerevoli problemi durante le guerre.

Consiglio. Se la tua prima lingua straniera è stata dettata dalla scuola media che hai frequentato, la seconda deve arricchirti per un motivo soltanto tuo. Al mondo esistono fra le 6000 e le 7000 lingue parlate da oltre 6 miliardi di persone divise in 189 Stati. A te la scelta. Ma deve essere una scelta motivante.

Che ti faccia vivere con piacere le ore trascorse sui libri. E fidati, tutto il tempo investito per poter sostenere un colloquio in questa lingua ti ritornerà con gli interessi. Perché? Perché ormai siamo tutti interconnessi e con noi le nostre attività. Quindi presto o tardi, questa tua skill tornerà utile a molti.

0 commento
0

You may also like

Lascia un commento